Come riconquistare il marito. Parti da te stessa!

Come riconquistare il marito

Come riconquistare il marito che ti ha lasciato? Molte di voi che seguono questo sito vorrebbero avere una risposta veloce e sicura a questa domanda. Vorrebbero una medicina istantanea che vada sempre bene e che sia in grado di farle riconquistare l’ex e di farle sentire finalmente bene.

Purtroppo, anche se molti sedicenti esperti promettono mari e monti, questa pozione magica non esiste e il percorso che ti permette di migliorare le probabilità (come vedi ho usato la parola “probabilità” e non “certezza”) di riconquistare il marito non è affatto semplice.

Nell’e-book che ho scritto “Come riconquistare il tuo ex” spiego dettagliatamente l’intera strategia che è necessario applicare per riconquistarlo. Questa strategia ti dà un valido aiuto per risolvere il tuo problema.

Come riconquistare un ragazzo

Nel mio libro spiego che uno dei passi fondamentali per riconquistare un ex è, prima di tutto, di intraprendere un percorso di crescita personale per migliorarti, capirti meglio e lavorare sui motivi che l’hanno portato a lasciarti.

Pensa prima a te stessa e poi a riconquistare il marito

In questo articolo vorrei approfondire i motivi per cui è importante lavorare su te stessa, sulla tua autostima e sulla tua soddisfazione personale prima di iniziare a pensare a recuperare un rapporto.

Per fare questo mi vorrei fare aiutare da un simpatico vecchietto che ha scritto numerosi libri sullo yoga, sul tantra e sull’amore, Osho. Una delle sue frasi più belle dice:

“L’amore è una qualità del proprio essere, se la si possiede, ne beneficia indistintamente chiunque ne venga a contatto, un amante, un amico, un figlio, uno sconosciuto. Si dovrebbe stare insieme soltanto perché si sta bene “con”, e invece molto spesso si sta insieme perché si sta male “senza”. Solo se hai sconfitto la paura della solitudine sarai capace di amare. Solo se ami la solitudine ogni momento vissuto con l’altro diventa una scelta d’amore.”

Quando ho letto questa frase mi ho subito pensato a tutte quelle donne che sono alla disperata ricerca di un uomo, che vogliono ritrovare l’amore perduto a tutti i costi e che bramano all’amore perfetto.

Andando ad esaminare la faccenda più a fondo ho scoperto che la maggior parte di queste ragazze soffrono la solitudine, non riescono a stare da sole neanche un minuto e hanno bisogno di un uomo non tanto per stare “bene” insieme a lui ma per non stare “male” da sole.

Ovviamente per la fretta di trovare qualcuno da avere accanto (ex ragazzo o nuovo amore che sia), non fanno nessuna selezione, si prendono il primo che capita solo per stare di nuovo male dopo poco tempo.

Per questo motivo è importante intraprendere il percorso di crescita personale che ti permette di stare bene con te stessa, che ti fa sentire completa ed accettata per quello che sei e che ti regala gli strumenti per  gestire meglio la tua vita.

Solo una volta che ti sei riscoperta, che ti guardi allo specchio e ti accetti per quello che sei, allora e solo allora, sarai veramente pronta per vivere una relazione soddisfacente insieme ad un uomo.

Continuiamo il discorso su come riconquistare il marito con qualche curiosità e aneddoto sull’argomento seduzione.

Come conquistare un uomo, tutte le curiosità

Sicuramente alcune delle informazioni che leggerete sono le classiche leggende metropolitane, altre sono frutto solo della profonda ignoranza che le donne hanno riguardo agli uomini (pari solo a quella che gli uomini hanno nei confronti delle donne) ma almeno vi faranno sorridere e a prendere la seduzione in maniera più rilassata. Comunque qualche informazione utile la troverete e la potrete applicare quando volete sedurre un uomo che vi piace o riconquistarlo.

Gli uomini sono sempre pronti a fare sesso

Il primo luogo comune da sfatare è che gli uomini sono affamati di sesso e sono sempre pronti a fare sesso. Peccato che la realtà è ben diversa e gli uomini non sono dei robot che hanno un pulsante da spingere per eccitarsi ed avere l’erezione sempre a portata di mano.

Infatti la loro attività sessuale è legata molto forte al loro stato d’animo, alle loro emozioni, al loro stato fisico e basta poco per fargli passare la voglia di fare l’amore e di far svanire l’erezione.

Quindi, care donne, se il vostro  uomo ha qualche problema a letto, non fatene un dramma, non è colpa vostra (e neanche la sua) e non vuol dire che non vi ama o che non prova più attrazione per voi. Invece, cercate di comprendere lo stato d’animo in cui si trova, supportatelo e cercate di superare insieme questa crisi passeggera.

Agli uomini non piacciono i preliminari

Altro mito da sfatare che è strettamente collegato a quello che ho appena detto. Gli uomini non sono dei robot programmati per essere sempre pronti a fare sesso, anche loro hanno bisogno dei preliminari per eccitarsi e per vivere il rapporto sotto le coperte in maniera più rilassata e soddisfacente.

In particolare i preliminari in amore permettono di far diminuire l’ansia da prestazione in quanto l’eccitazione arriva lentamente e l’uomo non si deve preoccupare dell’erezione istantanea.

Inoltre usando i preliminari nel modo giusto, l’uomo può far salire l’eccitazione della donna ed usare la penetrazione solo nella parte finale, in questo modo eventuali problemi di eiaculazione precoce possono essere gestiti meglio.

Se l’uomo ha problemi a letto vuol dire che non mi ama!

Questa è una sega mentale delle donne a cui consiglio vivamente di rileggere bene i due punti precedenti. Abbiamo prima detto che l’eccitazione e la conseguente erezione del pene dipendono da molte variabili (molte delle quali sono nascoste e non visibili), quindi l’uomo può avere problemi di erezione, eiaculazione precoce o mancanza di desiderio perché le emozioni negative che ha accumulato durante la giornata non gli permettono di vivere serenamente il rapporto.

Questi incidenti non hanno nulla a che fare con l’attrazione fisica che l’uomo prova nei confronti della donna, quindi non accusatelo ingiustamente di qualcosa che non ha commesso ma ricordatevi che il primo a starci male è lui. Quindi cercate di capirvi, spiegatevi i vostri sentimenti e procedete come se non fosse successo nulla. Spesso per risolvere i problemi sessuali è sufficiente vivere il sesso in maniera differente.

Gli uomini sono tutti uguali

Il famoso detto “gli uomini sono tutti uguali” va a braccetto con il suo gemello “le donne sono tutte mignotte”. Se sei donna sai benissimo che il secondo enunciato non è assolutamente vero, ma viene tirato fuori da quegli uomini che hanno subito qualche torto da una donna oppure non sono riusciti a sedurre la donna dei loro sogni che si è messa con un altro.

Quindi per analogia è vero anche il primo e non ha senso mettere a tutti gli uomini lo stesso marchio. È vero che ci sono gli uomini che tradiscono, gli uomini che abbandonano e che non sono affidabili, ma ti assicuro che sono soltanto una minima parte, mentre la maggioranza degli uomini sono brave persone in grado di dare e ricevere amore.